Good Dog
Share
intolleranza alimentare cane

Intolleranza alimentare cane

Se ti è capitato di osservare il tuo cane grattarsi con una certa insistenza, è probabile che la causa di questo atteggiamento sia da attribuire a fattori allergici. Infatti, è abbastanza comune per i cane sviluppare allergie ed intolleranza che nel 20% dei casi provocano prurito.

Recenti studi hanno stabilito come alcune razze canine siano maggiormente predisposte allo sviluppo di allergie e più sensibili di altre a sviluppare intolleranze alimentari. Tra le razze più soggette vi sono Boxer, Golden Retriver, Labrador, Pastore Tedesco ma anche cani meticci.

Anche se non si conoscono le cause, vi sono numerosi rimedi per curare le intolleranze. Quello più efficace è la somministrazione di alimenti specifici fatti appositamente per soggetti sensibili.

Allergia o intolleranza? Facciamo chiarezza

Per determinare se il proprio cane è affetto da una forma di allergia oppure da un’intolleranza, bisognerà capire come distinguere le due problematiche.

Si parla di allergia quando il sistema immunitario del cane non riconosce alcune particelle presenti nell’alimentazione e tenta di espellerle. L’intolleranza, invece, non sollecita il sistema immunitaria dell’animale.

Come capire i sintomi dell’intolleranza alimentare

Come si diceva in precedenza, i sintomi che possono farci pensare immediatamente ad un’intolleranza alimentare sono abbastanza facile da individuare. Per prima cosa il cane avrà un notevole prurito con conseguenti eritemi cutanei e nei casi più gravi potrebbe anche manifestare vomito e diarrea, difficolta respiratorie fino a raggiungere episodi di vere e proprie crisi asmatiche.

Cura dell’intolleranza alimentare

Se ritenete che i sintomi manifestati dal vostro cane possano essere riconducibili ad un’intolleranza alimentare, allora chiedete al vostro veterinario di effettuare un test alimentare, sulla base del quale elaborare una dieta ben precisa.

La durata del test sarà di 12 settimane circa, durante le quali verranno somministrate determinate proteine e carboidrati al fine di analizzare eventuali reazioni.

Non è raro che il vostro veterinario vi consiglierà di seguire una dieta casalinga o di acquistare specifici prodotti fatti proprio per cani sensibili.Si tratta di prodotti industriali, facili da reperire sul mercato, che comprendono una vasta gamma di scelta, crocchette secche o cibo umido, contenenti proteine e carboidrati controllati.

Durante tutto il periodo di prova sarà compito del padrone tenere il cane lontano da altre fonti di cibo e annottare con precisione il tipo di alimento e l’ora in cui questo viene stato somministrato, nonché  l’eventuale comparsa di sintomi.

Alimentazione cane intollerante

Stabilito che il cane è affetto da intolleranza alimentare, da questo momento in poi la sua dieta dovrà subire della variazioni. Dal momento che esistono numerose linee di mangime per cani intolleranti in commercio, somministrare al cane la nuova alimentazione non costituirà di certo un problema.

 

 

Leave a Comment: