Good Dog
Share
Pulci e parassiti cane

Pulci e parassiti: Guida al trattamento

Le pelliccia sono il luogo in cui le pulci prediligono risiedere e, una volta insediate, è difficile farle andare via.

Questi parassiti non comportano un reale pericolo per la vita del cane, questo però non significa che bisogna trascurare il problema.

Capire se il cane è stato invaso dalle pulci non è sempre facile. Il suo comportamento non differirà molto da quello abituale, per tanto sarà compito del padrone osservare scrupolosamente il manto, sollevando il pelo per avere una visione più chiara delle condizioni della pelle.

Le pulci si muovono molto velocemente tra la pelliccia del cane, quindi vederle non sarà sempre facile. Tuttavia il loro passaggio non avviene in modo totalmente invisibile, al contrario sono solite lasciare escrementi riconoscibili ad occhio umano.

Qualora il problema non venga risolto per tempo, si comincerà ad osservare il cane in preda a continui sfregamenti con conseguente rossore ed irritazione, che comprometteranno il suo benessere quotidiano.

Per quanto sia consuetudine comune credere che l’estate sia il periodo prediletto dalle pulci, in realtà durante i mesi più freddi questi parassiti troveranno la pelliccia del cane ancora più accogliente. Inoltre, recenti ricerche hanno dimostrato come le infestazioni canini da parte di questi parassiti siano aumentate in modo esponenziale nell’ultimo periodo e, come si diceva prima, non tengono più conto delle stagioni.

Per questa ragione è bene fare prevenzione tutto l’anno e servirsi di prodotti mirati.

Come trattare le pulci

Anche per il trattamento di questi parassiti, la prevenzione è sempre meglio della cura. Avere delle attenzioni specifiche dentro e fuori casa, controllare spesso il manto delle animale ed evitare di portarlo in zone in cui è facile che le pulci si annidino, sono tutti piccoli accorgimenti volti a limitare di molto il problema.

Tuttavia, qualora non fossero sufficienti ci sono altri numerosi rimedi da poter prendere in considerazione.

Un buon antiparassitario, ad esempio, è un ottimo modo per difendere il cane da questi fastidiosi insetti. In commercio, esistono prodotti specifici per pulci e prodotti ad ampio spettro efficaci anche contro zecche e pappataci.

La scelta del parassitario dipenderà essenzialmente dalla taglia del cane. Un esemplare di piccola taglia potrebbe anche andare in contro alla morta qualora venisse trattato con un prodotto pensato per un Labrador o per un Pastore Tedesco. Per cui fate molta attenzione a cosa è riportato sulla confezione e leggete attentamente il foglietto illustrativo presente all’interno.

L’età giusta in cui cominciare a proteggerlo

E’ buon regola cominciare a proteggere il cane fin da cucciolo e abituarlo il prima possibile all’uso dell’antiparassitario. Infatti, già dalle 8 settimane di vita, il cucciolo potrà essere trattato con un farmaco mirato e con il dosaggio consigliato sulla base del peso dell’animale.

Se verrà abituato subito all’uso degli antiparassitari, non manifesterà mai particolari fastidi durante l’applicazione.

 

Applicazione corretta dell’antiparassitario

Il miglior modo per applicare il prodotto è quello di far sdraiare il cane a pancia in giù. Approfittate di un momento in cui si è già steso volontariamente, spostate il pelo ed applicate l’antiparassitario direttamente sulla cute.

Ricordate di trattare le zone dietro la nuca, tra le scapole e nella parte bassa della schiena.

 

Nel caso in cui la procedura dovesse risultare complessa, si potrebbe pensare di acquistare prodotti in spray o collari la cui applicazione sarà indubbiamente più semplice.

Leave a Comment: